Difficoltà organizzazione attività culturale

democraziaEbbene, ammettiamolo: abbiamo qualche difficoltà ad organizzare l’attività culturale per il 2014. Ma non per responsabilità nostra e forse è meglio se spieghiamo dove è la difficoltà:

In data 15/11 abbiamo inviato all’Ordine dei Medici di Venezia la richiesta della sala interrata come da REGOLAMENTO E ALLEGATI(3) dell’Ordine stesso, con almeno venti giorni di anticipo, e abbiamo chiesto 3 date per il 2013 e 10 per il 2014.

Il presidente dell’Ordine ci ha risposto in data 21/11 negandoci una data per il 2013 e affermando, per le altre, che la richiesta andava reiterata di tre mesi in tre mesi (prot.4328).

A questo punto abbiamo fatto osservare al Presidente che programmare l’attività culturale di tre mesi in tre mesi è in contrasto con la normativa nazionale sull’ECM, per la quale la richiesta di crediti va fatta almeno TRE mesi prima comunicando, oltre ovviamente alla data, anche luogo, relatori, argomenti, e altre varie amenità (risposta 1).

Dovendo modificare una data di Gennaio e non avendo ancora ricevuto risposta ufficiale alla mail precedente, ho riscritto all’Ordine sottolineando ancora le difficoltà organizzative risposta 2.

Questo è lo stato dell’arte. È chiaro che è difficile programmare una qualunque attività culturale con meno di tre mesi di preavviso, è altrettanto evidente che è diritto di ogni iscritto all’Ordine usufruire delle strutture dell’Ordine stesso secondo le finalità delle stesse, come anche è evidente che è difficile comprendere per quale ragione prenotare dieci sere su trecentosessantacinque (10/365= 2,7%!) possa impedire l’attività di chicchessia.

Ma altro non c’è da dire.

Per cui, nonostante l’organizzazione di molti incontri sia in fase avanzata, siamo dispiaciuti di non poter fornire ulteriori particolari.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Un pensiero su “Difficoltà organizzazione attività culturale

  1. Che dire? E’ così che l’ Ordine a cui obbligatoriamente sono iscritto, tutela i miei diritti? Ha senso bloccare o ritardare una lecita attività aggrappandosi a cavilli burocratici che altro non fanno se non nascondere inefficienza o ignoranza? O è malafede? Possiamo avere un’arma efficace per contrastare tutto ciò, creare e far crescere un bel gruppo di professionisti preparati e documentati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti protetti da WP-SpamShield Spam Plugin