POS e artigiani

posCaro direttore

leggo sul suo giornale in data odierna un intervento del presidente degli artigiani della Riviera del Brenta, il quale spiega che gli artigiani sono contrari all’obbligo del POS perchè questo costa.

Ora, ci si consenta di dire che noi siamo contrari al POS per altri motivi, e cioè:

primo, siamo contrari perchè è un obbligo. Nel paese delle centomila leggi siamo stufi di alzarci al mattino e leggere i giornali per sapere a quale nuovo balzello dovremo sottostare. Molti di noi il POS lo hanno già: perciò lo toglieremo, proprio per protestare contro l’ennesima burocratizzazione della nostra attività!

secondo: siamo contrari perchè è un obbligo stupido. È evidente a chiunque abbia un minimo di buonsenso che l’evasione non si combatte con il POS. L’evasione si combatte con funzionari ed enti preparati e competenti, con la volontà di applicare le leggi che ci sono. Ma come il malato che delira per la febbre si gira da un lato all’altro del letto per trovare riposo, le istituzioni incapaci di fare ciò che devono fare, legiferano! Per combattere l’evasione non serve a nulla combattere il contante, ciò che si deve combattere è la pigrizia degli uffici preposti all’applicazione delle leggi, signori miei!

terzo: siamo contrari perchè è un favore alla lobby delle banche che ricade sulle tasche dei cittadini, soprattutto dei più poveri!

Cordialità

Cosimo Tomaselli

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti protetti da WP-SpamShield Spam Plugin