Piano B e depressione

img-_innerArt-_rob2Qualche giorno fa il British Dental Journal ha pubblicato la seconda parte di un articolo sul piano B dei dentisti. La prima parte si può leggere qui, la seconda parte, pubblicata l’8 Agosto, si focalizza sulle donne dentista e si può leggere qui.

La prospettiva interessante è che il piano B, l’opzione alternativa nel caso che non si dovesse per qualunque ragione rimanere nel settore, è una possibilità da tenere presente e di cui discutere.

In Italia al contrario essa è tabu. La preoccupazione di sindacati e associazioni varie è come far sopravvivere in qualche modo chi si è laureato e vorrebbe esercitare.

Evidentemente abbiamo a che fare con un impegno improbo, perchè da un lato assistiamo ad una diminuzione della patologia, dall’altra al miglioramento dell’efficenza e dell’efficacia terapeutica, poi la diminuzione delle risorse economiche e l’apertura del mercato europeo e mondiale.

Purtroppo la diminuzione del fatturato medio per ogni singolo dentista è una prospettiva difficile da invertire, ma questa diminuzione può essere affrontata in modo positivo o meno.

In questi giorni ha fatto notizia il suicidio di Robin Williams che ci ha obbligati a focalizzare il problema della depressione: i medici e i dentisti in particolare sono tra le categorie più a rischio. Non è escluso che la mancanza di un piano B influisca su questo rischio.

In questo contesto sono preziosi i consigli dell’OMS sulla depressione: le nostre associazioni dovrebbero riservare nei propri programmi uno spazio per questo argomento. Sempre.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Questo articolo è stato pubblicato in Next da slow . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti protetti da WP-SpamShield Spam Plugin