Paglia e la burocrazia

2014_05_doctoros_normalSul n.8 di DoctorOs (Ottobre 2014) il dott.Luigi Paglia se la prende con la “burocrazia fine e se stessa” concludendo con un invito affinché medici, odontoiatri e pazienti intraprendano una battaglia comune: “Meno burocrazia e più deontologia”.

Evidentemente non si può non essere d’accordo con il direttore scientifico della Fondazione Istituto Stomatologico di Milano.

Eppure, proprio perché l’accordo è scontato, ci terremmo a precisare qualche particolare.

Anzitutto a noi pare che tra organismi rappresentativi degli odontoiatri e burocrati si sia stabilita una alleanza tanto negata quanto nefasta: se l’esercizio professionale fosse meno complesso, se non dovessimo leggere ogni mattina il giornale per aggiornarci sui nuovi obblighi, se non avessimo bisogno del corso RSPP e Antiincendio, a qualcuno potrebbe anche passare per la testa, non sia mai!, di non rinnovare l’iscrizione all’associazione/sindacato di categoria. Se infatti i nostri rappresentanti democraticamente eletti si fossero da sempre coerentemente battuti contro la burocrazia inutile, credo che la battaglia l’avrebbero stravinta decine e decine di volte.

Ma il punto più importante è che non basta dichiararsi contro la burocrazia: si deve anche indicare un percorso. Ora, ci si consenta, il percorso potrebbe essere il seguente: passare da una prevenzione basata sul protocollo ad una basata sulla responsabilità.

Spieghiamoci: non c’è dubbio che lo scopo della legislazione sul lavoro è di prevenire incidenti e malattie professionali. Per far ciò decreti su decreti e modifiche su modifiche delineano percorsi non sempre chiari, a fronte dei quali è difficile essere certi di non incorrere in sanzioni per quanto si siano timbrate e firmate e protocollate tutte le carte. Poi succede che degli operai muoiano asfissiati da esalazioni tossiche o bruciati da ritorni di fiamma. Molto spesso (non sempre, va bene ma quasi sempre) le carte sono tutte a posto e occupano pareti e pareti di capienti uffici. Sarebbe molto semplice dire: da oggi le carte sono tutte abrogate, eccetto una che riporta il nome del responsabile! A me, ai parenti delle vittime e alla società in genere, non interessa nulla di quanti bolli siano stati applicati, a noi interessa CHI è il responsabile. Perché il responsabile paga. E non accampi scuse sulla procedura e sui sistemi di sicurezza. A nessuno importa nulla: se l’incidente è avvenuto, paga. Poi si può discutere se è il primo incidente o se è recidivo, se le inosservanza sono macroscopiche, se c’è impreparazione, inosservanza, negligenza, eccetera. Ma il punto non sono le carte, il punto è la responsabilità.

Altro esempio sono le autorizzazioni sanitarie. Lo scopo è chiaramente tutelare la sicurezza del paziente. Va bene. Ma onestamente, detto tra colleghi, cosa tutelano davvero? Quanti incidenti hanno sinora prevenuto? E chi ha fatto i controlli con quali competenze per poter dire di aver effettivamente migliorato la sicurezza dei nostri studi?

Caro dott.Paglia, ci consenta magnanimo queste chiose al suo condivisibilissimo editoriale.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti protetti da WP-SpamShield Spam Plugin