GDPR: cosa fare?

Da domani entra in vigore il nuovo regolamento europeo sulla privacy. Come detto nell’articolo precedente, non è nulla di sconvolgente, non bisogna fare corsi costosi o pagare consulenti per mettersi a norma. Di fatto basta aggiornare l’informativa. Qui di seguito riportiamo il Codice di Condotta previsto dall’articolo 40 del GDPR come applicabile agli studi odontoiatrici. L’informativa può essere scaricata Qui.

Continua a leggere

La paura (del GDPR) come tecnica di vendita

Ma chi è costui?

Massimo Cappanera, professionista digitale che dice di sè:

“aiuto professionisti e aziende insegnandogli a presentarsi bene online ma allo stesso tempo anche a dire cose sensate, evitando di farsi infinocchiare da chi propone la luna ma in realtà vende formaggio.

Potrei dire che lotto contro i mulini a vento dell’ignoranza digitale …”

ma chi glielo fa fare di dire cose così intelligenti senza essere pagato, di gettarle sul web dove chiunque, intelligenti e stupidi, meritevoli e criminali, possono trarne vantaggio? Continua a leggere

SINP

Dunque, sono ormai 10 (dieci) anni dall’approvazione del D.Lvo 81/2008.

Avv Romolo De Camillis

L’avv.Romolo De Camillis, laureato il 12/07/1994 in giurispudenza a Napoli, coordinatore del tavolo per il SINP

All’art.8 si legge testualmente: “È istituito il Sistema Informativo Naziopale per la Prevenzione (SINP)”.

Dal nostro punto di vista, cioè dal punto di vista di noi datori di lavoro che cerchiamo di rispettare le leggi, una buona notizia.

Peccato che a distanza di dieci anni di questo SINP non si sappia ancora nulla.

Continua a leggere

DA CONSIGLIO DI STATO STOP AD OBBLIGO AUTORIZZAZIONE

Comunicato AIO

Nella foto la dottoressa Oria Settesoldi del TAR Veneto che ha recentemente sentenziato in senso contrario rispetto al Consiglio di Stato

I requisiti e la procedura per ottenere l’autorizzazione all’esercizio dell’attività decisi per tutta Italia dalla conferenza stato-regioni nel 2016, molto complessi per gli studi odontoiatrici “medi”, si riferiscono in realtà a strutture che praticano attività “invasive”. AIO ha sempre sostenuto come l’Odontoiatra non pratichi tali attività e non debba farsi autorizzare dalla Regione, ma deve solo comunicare all’Asl l’apertura dello studio ed attenderne il controllo. Il Consiglio di Stato dà ragione alla nostra Associazione che ora scriverà alle Regioni perché mettano da parte l’intesa di due anni fa e non chiedano adempimenti impropri ai professionisti. Continua a leggere

Preventivo?

Ma alla fine è obbligatorio il preventivo scritto da parte del dentista?
È una domanda che viene, più o meno spontanea, a sentire certe storie. In particolare mi ha colpito questa che trovo su un sito di avvocati:

Sono andato da un dentista per chiedere su un problema del bambino, ho chiesto da subito preventivo, già al telefono come chiesto sopra e alla fine della storia mi ha fatto un preventivo per 5500 euro di cui 500 per il check up (la visita). Ora devo pagare i 500 euro? Penso di si perché le mie ossessive parole di avere prima il preventivo non sono documentate mentre il dentista dirà che ha lavorato per me. Ovviamente non posso pagare i 7500 euro ma neanche per sogno e pensare che dovrò fare il lavoro, dovrò andare a chiedere da un dentista più economico, in campagna magari ma se questi mi chiederà altri 500 euro come posso venirne fuori?

Avvocato Gratis

La confusione a chi conviene? Non so, credo a nessuno.

Proviamo allora a fare chiarezza. Continua a leggere

Il peggior ministro di sempre

In campagna elettorale siamo abituati alle sparate.

Il ministro Lorenzin (la peggiore ministra di sempre a detta di Liberi&Uguali, leggi qui) però spara sulla salute degli italiani con il suo libro “Per salute e per giustizia”. In un mondo piatto, caldo e affollato (dalla presentazione del libro) il caos della tempesta perfetta generata dall’aumento dell’età media e dell’innovazione bio-medica (sempre dalla presentazione del libro della ministra) si vince … raccontando fiabe!

Si, perchè l’ipotesi della ministra va bene al massimo per addormentare i bambini la sera.

Dunque: il 7% degli italiani rinuncia alle cure dentarie, si dice. Perchè sono care.

Quindi che facciamo? Convinciamo i dentisti ad abbassare i prezzi.

Elementare Watson. Continua a leggere

Evidenza Clinica: un nuovo strumento.

Si parla spesso di evidenza clinica ed i pazienti si attendono di ricevere dai loro medici curanti terapie validate scientificamente.
Il che non corrisponde sempre al vero, e non sempre per una cattiva disposizione dei medici. A questo, è vero, concorre la pigrizia, il peggiore dei demoni del corpo e della psiche, ma non solo.

Il primo fattore che complica l’esercizio di una medicina basata sull’evidenza è la scarsa affidabilità degli studi scientifici, di cui abbiamo già parlato qui. Continua a leggere